Informiamo che a seguito del DPCM dell’11.03.2020 in merito all’emergenza coronavirus, per tutelare la salute del proprio personale, dei propri clienti e fornitori, a partire dal 16 marzo p.v. e fino a nuove disposizioni governative, per contribuire alla lotta contro la diffusione di questo maledetto virus, il nostro studio rimarrà aperto dalle 14:30 alle 19:30, continuando tuttavia a garantire tutti i suoi servizi nel limite del possibile, data la situazione.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta Graphic means: un documentario imperdibile. Fare il graphic design è diventato un lavoro alla portata di tutti grazie all’enorme progresso tecnologico e accade spesso, purtroppo, che molti si avvicinino a questa professione con spirito dilettante, poca passione e scarsa formazione, solo perché è diventato facile procurarsi molti strumenti del mestiere. Il documentario Graphic means di Briar Levit, a questo proposito, è un’autentica chicca perché spiega la storia del nostro mestiere, ne mostra i processi di lavoro così come venivano svolti agli esordi.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta Rivoluzione grafica. Oggi che la grafica fa parte della nostra quotidianità forse non ricordiamo la portata rivoluzionaria che ha avuto nel mondo dell’arte. Era il 1870 circa quando la libertà di stampa appena arrivata, permise agli artisti la diffusione su larga scala delle loro opere; una straordinaria opportunità economica e divulgativa. Dipinti più o meno famosi diventarono stampe a disposizione del grande pubblico, aumentò la richiesta di immagini cambiandone la prospettiva d’uso e influenzando in modo esponenziale la cultura popolare. In questo passaggio epocale le arti grafiche hanno attinto a piene mani dal giapponismo, che proprio tra la fine dell’800 e l’inizio del 900 si diffondeva soprattutto in Francia e in Italia.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta Grafica e Rock. Chissà quante volte anche voi, come noi, avete letteralmente sognato ad occhi aperti i vostri idoli rock. Quante volte avete immaginato storie, esibizioni, istanti dei vostri artisti preferiti. Ora c’è un libro che ha catturato immagini reali, artisti senza tempo, insieme a dati e cifre concreti legati alle loro carriere. Tutto questo con l’ausilio dell’infografica, arte a sua volta, capace di restituire al lettore le vite di autentiche leggende attraverso immagini, simboli, fotografie. Alcuni nomi fra i tanti: Jimi Hendrix, Queen, Iggy Pop, che vi assicureranno una lettura e una visione rigorosamente rock.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta Il trionfo della bellezza. C’è ancora tempo, fino al 26 gennaio prossimo, per visitare la mostra allestita nell’incantevole reggia di Venaria sull’Art Nouveau. Ve la consigliamo nel caso in cui anche voi, come noi, siate amanti del Bello e pensiate che circondarsi di Bellezza faccia bene all’anima. Le opere in mostra sono 200 fra dipinti, manifesti, sculture, suppellettili etc. Art Nouveau appunto, ovvero tanti esempi del movimento che ha trasformato l’arte in design rompendo con le vecchie regole accademiche e tradizionali.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta When the World Went digital. A qualche giorno di distanza dalla celebrazione dell’Internet Day anche noi rendiamo omaggio al mondo del web, segnalandovi una nuova interessante pubblicazione che ne parla: “Web Design. The Evolution of the Digital World 1990-Today”. E’ un volume affascinante proprio perché mostra la storia inimmaginabile del mondo del web e l’evoluzione velocissima, dai primi siti del 1998 fino a quelli attuali. Si ricordano i primissimi prototipi del web con l’interfaccia drag-and-drop, le prime pagine on line con i video incorporati, i primi sfogliabili, il primo sito pensato per dispositivi mobili etc.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta L’arte di Altan. Sta per aprirsi al MAXXI di Roma dal 23 ottobre al 12 gennaio 2020 la prima mostra dedicata ad Altan. Saranno presenti tutte le sue opere: libri, filmati, poster quadri, schizzi, tavole, disegni originali e naturalmente illustrazioni; giusto omaggio ad un genio indiscusso e soprattutto ad un cultore dell’ “arte del disturbare”. La sua capacità di colpire e far pensare si è espressa in tutti questi anni combinando con grande sagacia testo e immagine. In un mondo in cui tutti sgomitano per piacere ed essere visti, Altan è la dimostrazione vivente che più dei compromessi può l’arte.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta Emporium, una rivista grafica per l’arte. Nel 1895 nasceva Emporium, una rivista di arte grafica che ha rappresentato un punto di riferimento per l’arte italiana e che ha avuto anche il merito di diffondere le opere dei movimenti artistici europei allora in voga. Fra questi vi segnaliamo i Preraffaelliti, di cui è ancora possibile vedere una interessante mostra a Milano, Palazzo Reale, fino al 6 ottobre. Le opere che troverete sono fra le più belle della corrente e raccontano gli ideali e i punti di vista anti-convenzionali dei vari artisti; la tecnica adottata è moderna e valorizza i dettagli grafici. Un modo di interpretare l’arte straordinariamente attuale.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta L’illustrazione in primo piano. Riparliamo volentieri di un libro edito dalla Taschen, perché ancora una volta mette a disposizione del grande pubblico un volume molto interessante, The Illustrator, dedicato al lavoro dei cento migliori illustratori al mondo. Siamo felici di constatare che l’arte dell’illustrazione sia più viva che mai e che anzi abbia allargato il suo campo di applicazione; dai media al packaging. La notizia quindi è che il graphic design sta bene, grazie anche alla tecnica digitale e, come noi affermiamo da tempo, merita un posto di primo piano fra le arti applicate, arti a tutti gli effetti.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta Design sugli oggetti dei film. Se siete come noi amanti del cinema chissà quante volte, guardando un film, vi saranno rimasti impressi non solo la musica, i personaggi, le ambientazioni ma anche i particolari, piccole cose, gli oggetti… E’ quello a cui ha pensato il designer inglese Jordan Bolton, che con il suo progetto Objects prima costruisce manualmente alcuni degli oggetti che compaiono nei film poi, dopo averli organizzati in un insieme, li fotografa. Le foto a quel punto diventano poster che si possono acquistare su internet. Si va da alcuni film di Miyazaki ad American Psycho, le stampe sono tante e originali; ricordano i film anche per la scelta del colore di base e del font del titolo. Un’idea davvero creativa.