Altini Comunicazioni Grafiche presenta Gli eroi del punk diventano supereroi. Fa sempre un bell’effetto quando qualche creativo, con un guizzo geniale, riesce ad unire le sue passioni artistiche. Questa volta il nostro plauso va al designer Butcher Billy e alla sua originalissima miscellanea di musicisti e cantanti trasformati in supereroi. Il risultato è sorprendente: Robert Smith dei Cure è Plastic Man, Morrissey degli Smiths è Superman, Ian Curtis dei Joy Division è Batman. Queste copertine immaginarie create dal designer brasiliano solleticano la fantasia di chi ha amato il post-punk e di chi apprezza l’iconografia dei fumetti americani e, come per magia, quelli che erano già eroi diventano supereroi.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta Tre manifesti a Ebbing, Missouri, il film pluripremiato del regista Martin McDonagh si apre quasi subito con la visione dei tre giganteschi cartelloni commissionati da Mildred Hayes. Recitano così: “violentata mentre muore e ancora nessun arresto? Come mai sceriffo Willoughby?” Parlano di Angela, la figlia di Mildred, il cui terribile omicidio non ha ancora un colpevole, campeggiano lungo la strada del villaggio in cui vive e ricordano a tutti che l’uccisione di una giovane donna non ha ancora trovato giustizia. Lo sanno tutti e forse se ne rammaricano anche, lo sceriffo è sinceramente dispiaciuto ma nulla ha il potere di smuovere le coscienze, fino all’arrivo di quelle tre gigantografie, da lì parte tutta la storia.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta Stati d’animo. Arte e psiche tra Previati e Boccioni. Rappresentare gli stati d’animo è una sfida notevole per qualsiasi artista perché ci si avvicina a qualcosa che appare irrappresentabile, sfuggente, misterioso. Tanto più, pensiamo, nell’epoca che costituisce il cuore della mostra: tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento in cui non solo l’arte ma anche la scienza, la cultura tutta, vissero un grande fermento e un interesse nuovo e originale rispetto alle dinamiche umane e al mondo interiore. Segantini, Previati, Pellizza da Volpedo, solo per citarne alcuni, ci guidano in una ricerca visiva affascinante quanto l’animo umano; fra la melanconia e l’alienazione, la contemplazione e l’empatia fino ad arrivare all’estasi e all’armonia.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta Font Nerd: la app per giocare con i caratteri. Se siete appassionati di grafica, font e anche di “cazzeggio” questa segnalazione fa per voi: c’è una nuova app, si chiama Font Nerd, per divertirsi giocando con i caratteri. L’inventore è il graphic designer Andreas M. Hansen che ha creato un vero e proprio must per gli appassionati del genere. Vi potrete mettere alla prova nel riconoscimento dei vari font, nella scoperta dei type più recenti oppure più semplicemente, nel caso siate indecisi, nella visualizzazione dell’intero alfabeto. Creata da Hansen in due giorni liberi, come ha dichiarato lui stesso, è il gioco giusto per passare un po’ di tempo creativamente.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta The history of graphic design. La storia del graphic design coincide con una visione del mondo che ha accompagnato cambiamenti, rivoluzioni, conquiste e disfatte. E’ il primo pensiero che ci viene sfogliando il volume della Taschen The History of graphic design, volume 1, 1890-1959. Vengono ripercorsi gli sviluppi di questa straordinaria forma d’arte negli anni che vanno dalla fine dell’800 alla metà del ‘900, passando per i numerosi contributi dati; dalla politica all’economia, dal sociale ai mass-media. Sono presenti più di 2000 progetti ed una mole di materiale capace di spiegare cos’ha significato il design grafico per quest’epoca, perché come afferma Helmut Schmid “il design è attitudine”.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta Film Re-Immaginati. Che la grafica sia stata un’arte sono in tanti a ricordarcelo, Toulouse-Lautrec giusto per citarne uno, ma che la grafica lo sia ancora oggi sono in pochi a riuscire ancora a dimostrarlo. Fra questi c’è Peter Stults, un graphic designer di successo con la passione del cinema; crea locandine uniche di film contemporanei scegliendo attori e attrici che poi colloca in scenari totalmente nuovi, come se fossero stati girati tanti anni prima. C’è per esempio James Dean in Drive o Goldie Hawn in Cuore selvaggio.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta Mostra Revolution. Non possiamo negare che questa mostra ci piaccia fin dal titolo, ovvero: Revolution. Musica e ribelli 1966-1970. Dai Beatles a Woodstock. Sono passati più di 50 anni da quell’inizio di rivoluzione che rimane ancora memorabile e straordinaria. Crediamo sia indiscutibile il fatto che rappresenti un’esplosione insuperata di creatività nei più svariati ambiti: moda, musica, design, controcultura ecc. ecc. Per chi come noi si occupa di realizzare soluzioni d’immagine non esiterebbe a definirla una vera e propria miniera estetica da cui trarre ancora oggi ispirazione.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta L’onda della modernità – Secessioni europee. Rendiamo omaggio ai protagonisti delle secessioni europee, in mostra fino al 21 gennaio a palazzo Roverella. Impossibile resistere al fascino di Klimt, Horejc, Casorati e tutti gli altri che hanno sovvertito i canoni tradizionali dell’espressione artistica. Uno dei loro obiettivi era quello di creare opere d’arte totali. Un’ambizione irresistibile, non facile da condividere, ma che crediamo debba guidare in ogni caso chi guarda il mondo con occhi creativi. La loro rivista ospitava opere realizzate con i linguaggi più diversi, dalla grafica al design e non solo. Fedeli al motto che campeggia sull’edificio simbolo della secessione: “ad ogni tempo la sua arte e all’arte la sua libertà”.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta Museo della Follia. Siamo in un luogo magico, dove la creatività e l’arte si fanno strada in mezzo al tormento. Non serve pensare quando si visita un posto come questo, ma solo farsi guidare, saranno le idee a venirvi a trovare. Vedrete immagini vostre rispecchiarsi nelle immagini altrui e sensazioni estranee divenirvi familiari. Le idee non hanno etichette, ma prendono forma quando sono realmente libere.