Altini Comunicazioni Grafiche presenta L’arte di Altan. Sta per aprirsi al MAXXI di Roma dal 23 ottobre al 12 gennaio 2020 la prima mostra dedicata ad Altan. Saranno presenti tutte le sue opere: libri, filmati, poster quadri, schizzi, tavole, disegni originali e naturalmente illustrazioni; giusto omaggio ad un genio indiscusso e soprattutto ad un cultore dell’ “arte del disturbare”. La sua capacità di colpire e far pensare si è espressa in tutti questi anni combinando con grande sagacia testo e immagine. In un mondo in cui tutti sgomitano per piacere ed essere visti, Altan è la dimostrazione vivente che più dei compromessi può l’arte.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta Emporium, una rivista grafica per l’arte. Nel 1895 nasceva Emporium, una rivista di arte grafica che ha rappresentato un punto di riferimento per l’arte italiana e che ha avuto anche il merito di diffondere le opere dei movimenti artistici europei allora in voga. Fra questi vi segnaliamo i Preraffaelliti, di cui è ancora possibile vedere una interessante mostra a Milano, Palazzo Reale, fino al 6 ottobre. Le opere che troverete sono fra le più belle della corrente e raccontano gli ideali e i punti di vista anti-convenzionali dei vari artisti; la tecnica adottata è moderna e valorizza i dettagli grafici. Un modo di interpretare l’arte straordinariamente attuale.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta L’illustrazione in primo piano. Riparliamo volentieri di un libro edito dalla Taschen, perché ancora una volta mette a disposizione del grande pubblico un volume molto interessante, The Illustrator, dedicato al lavoro dei cento migliori illustratori al mondo. Siamo felici di constatare che l’arte dell’illustrazione sia più viva che mai e che anzi abbia allargato il suo campo di applicazione; dai media al packaging. La notizia quindi è che il graphic design sta bene, grazie anche alla tecnica digitale e, come noi affermiamo da tempo, merita un posto di primo piano fra le arti applicate, arti a tutti gli effetti.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta Design sugli oggetti dei film. Se siete come noi amanti del cinema chissà quante volte, guardando un film, vi saranno rimasti impressi non solo la musica, i personaggi, le ambientazioni ma anche i particolari, piccole cose, gli oggetti… E’ quello a cui ha pensato il designer inglese Jordan Bolton, che con il suo progetto Objects prima costruisce manualmente alcuni degli oggetti che compaiono nei film poi, dopo averli organizzati in un insieme, li fotografa. Le foto a quel punto diventano poster che si possono acquistare su internet. Si va da alcuni film di Miyazaki ad American Psycho, le stampe sono tante e originali; ricordano i film anche per la scelta del colore di base e del font del titolo. Un’idea davvero creativa.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta Le Comunicazioni Grafiche di Escort Advisor. Il 24 giugno è partita la prima campagna di pubblicità outdoor italiana di un sito per adulti; fino al 30 giugno quattro camion vela gireranno per le vie di Roma e Milano pubblicizzando il sito che offre le prestazioni di escort con il claim “Non di solo pane vive l’uomo”. La campagna pubblicitaria pensata dagli organizzatori con ironia e sulla scia delle vecchie Pubblicità Progresso, avrebbe l’intento di sensibilizzare su un tema scabroso che necessita di una consapevole presa di coscienza per i problemi di sicurezza che comporta.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta Roy Lichtenstein, multiple visions. Al Mudec di Milano sono in mostra fino all’8 settembre le opere del grande Roy Lichtenstein; artista che, chi ha a cuore il processo creativo, non può non ammirare insieme alla sua personalissima tecnica. Il colore è ottenuto mediante l’ordinato accostamento di numerosi puntini, secondo quanto avviene normalmente nel procedimento tipografico di stampa. Il numero dei colori impiegati è limitatissimo, tre o quattro al massimo, oltre al nero, proprio come avviene nei processi di stampa. I mezzi tecnici della pittura sono dunque subordinati a quelli della grafica, il che è la confessione di come l’arte, secondo Lichtenstein, è figlia dei consumi e della comunicazione di massa.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta Photofestival 2019, Milano. Il grande evento legato alla fotografia è arrivato alla 14ma edizione, il Photofestival è tornato il 17 aprile e andrà avanti fino al 30 giugno 2019. Milano e alcune città vicine ospitano centinaia di mostre fotografiche gratuite, workshop e presentazioni che formano e sensibilizzano all’osservazione estetica. Il titolo di quest’anno “Immagini. Progetti. Futuro. “ è ispirato da una parte importante dell’evento che è incentrata sul tema del design. Un trionfo di immagini. Uno spettacolo per gli occhi”.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta Dedicated to those who lend their eyes to make us see. Il filmato che proponiamo, di circa cinque minuti, si intitola The Hunt (La Caccia), ed è incentrato su diverse scene di fotoreportage, affascinanti quanto pericolose. La scena finale, immortalata anche nel riflesso dell’obiettivo, mostra l’immagine del “Tank man”, l’uomo che bloccò i carri armati in piazza Tienanmen. Il video promozionale mostra diverse macchine fotografiche e il logo della Leica, ma l’azienda ne ha ufficialmente preso le distanze con un comunicato.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta 50 numeri di “Un Sedicesimo”. “Un Sedicesimo” è giunto al 50esimo numero, una notizia particolarmente bella dato che si tratta di un progetto editoriale e grafico originale e innovativo nel suo genere. Il bimestrale infatti, nato alla fine del 2007, è curato sempre da artisti diversi, grafici e illustratori. A rimanere uguali sono invece il formato ed il numero fisso di 16 pagine che dà il nome alla rivista stessa. Nome che deriva da quello “della rilegatura e della sua misura: stampando 16 pagine su un foglio 70×100 senza sprecare spazio piegando e tagliando, si ottiene proprio un piccolo libretto chiamato in gergo tipografico un sedicesimo”. Una rivista che non si limita a parlare di grafica, ma che fa grafica.

Altini Comunicazioni Grafiche presenta Chi ha paura del disegno?. La curatrice Irina Zucca Alessandrelli ha scelto un titolo che ha il sapore della sfida per la mostra inaugurata il 23 novembre 2018 e che sarà ospitata fino al 28 febbraio prossimo al Museo del Novecento di Milano: “chi ha paura del disegno?”. E’ una domanda interessante che pone il tema della mancanza di una cultura del disegno e del significato culturale legato a questa assenza. Lo fa con un taglio inedito attraverso le opere dei più importanti artisti italiani del XX secolo: Boccioni, Fontana, Agnetti, e tanti altri insieme a numerosi lavori poco conosciuti provenienti dalla collezione Ramo, un’importante raccolta privata nata per volontà dell’imprenditore milanese Giuseppe Rabolini.